Noleggio droni
Tariffe Giornaliere
  
   
 1 giorno = €. 75  
 2 giorni = €. 55 a giorno 
 5 giorni = €. 45
 a giorno 
 10 giorni = €. 35 a giorno 
 15 giorni = €. 30 a giorno 
30 giorni = €. 20 a giorno 



Cauzione Obbligatoria di €. 1500, che verrà restituita al momento della riconsegna del drone e dei suoi accessori.
noleggio riservato solo ed esclusivamente a Privati che vogliono noleggiare il drone per hobby, a scopo ricreativo e ludico.

Chi acquista o noleggia un drone per usarlo a scopo ludico o ricreativo deve rispettare determinate regole ed accorgimenti, soprattutto se non in possesso di certificazione ENAC.

Volo a controllo

Secondo il Regolamento ENAC sui Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto un drone, se viene impiegato a scopo ricreativo o ludico è considerato aeromodello. Per ENAC l’ aeromodello è un dispositivo aereo a pilotaggio remoto, senza persone a bordo, impiegato esclusivamente per scopi ricreativi e sportivi, non dotato di equipaggiamenti che ne permettano un volo autonomo, e che vola sotto il controllo visivo diretto e costante dell’aeromodellista, senza l’ausilio di aiuti visivi.

Volo autonomo e automatico

Per volo autonomo ENAC intende un volo in cui il drone vola da solo senza nessuna possibilità per il pilota di intervenire. Questo tipo di volo è simile al volo autonomo con la differenza che il pilota può in qualsiasi momento intervenire con il radiocomando per riprendere il controllo del mezzo. Il volo autonomo è vietato, il volo automatico è concesso anche agli aeromodelli / droni ad uso ricreativo che quindi possono ospitare GPS e altri sensori per l’ausilio al pilotaggio.

Certificazioni ENAC e dove volare Chiunque volesse utilizzare un drone ha necessariamente bisogno di certificazione Enac? Risposta ufficiale ENAC:
“No, trattandosi di aeromodello è sufficiente attenersi alle disposizioni del Regolamento ENAC Sezione VII” .

“Gli aeromodelli vengono utilizzati per motivi ricreativi, possono essere fatti volare di giorno in contatto visivo diretto al massimo a 200 m (per avere una idea un campo di calcio è lungo circa 100 m) di distanza e a un’altezza massima di 70 m (circa un palazzo di 15 piani) e quindi senza utilizzare eventuali automatismi di volo su percorsi fuori dalla vista del pilota’’.

‘’Si possono utilizzare tali aeromodelli in aree non popolate e quindi sono da escludere i centri urbani e i parchi pubblici in essi contenuti. Inoltre bisogna sincerarsi che non si sia più vicini di 5 km da un aeroporto oppure in un’area dove sia esplicitamente proibito volare in assoluto (ad es. centro di Roma).
Sono altresì vietati i voli negli spazi aerei ATZ e CTR, tali informazioni sono reperibili sul sito dell’ENAV” Inoltre i voli sopra ad aree con la presenza di persone sono severamente vietati se sprovvisti di certificazione, onde evitare danni e lesioni di vario genere; soprattutto se l’area in questione rientra nell’ambito di ‘’zona urbanizzata e popolata’’.

Delucidazioni, dettagli e particolari RAIT.5006 ALTEZZE MINIME PER IL SORVOLO DELLE SPIAGGE

Fatto salvo quanto previsto da SERA.5005 f), tranne quando sia necessario per il decollo o l’atterraggio su aereoporti costieri, dal 1° giugno al 30 settembre compresi, un volo VFR non deve essere effettuato ad di sopra delle spiagge, entro 100m da entrambi i lati della linea di costa, ad un’altezza inferiore a 300m (1 000 ft).

Tale prescrizione non si applica agli aereomobili di Stato e di soccorso.

Nel dettaglio: 4.Il presente Regolamento non si applica agli aereomodelli e agli aerei giocattolo. I requisiti relativi alle operazioni degli aereomodelli sono contenuti nel Regolamento ENAC ‘’Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto’’.

Quando si vola bisogna prestare attenzione a determinati dettagli secondo quanto sancito da ENAC: “Oltre a quanto sancito dal Regolamento ENAC e riassunto sopra, bisogna seguire le regole di buonsenso: scegliere spazi aperti senza alberi, distanti da persone e strade, evitare di volare vicino a spazi recintati in quanto un’eventuale recupero potrebbe essere problematico, non volare quando ci sono raffiche di vento per evitare che il drone si allontani dalla vista. Evitare inoltre delle zone dove ci sono grossi ripetitori TV, dove le interferenze potrebbero farci perdere il controllo del nostro mezzo.”

Riprese video personali, rispettando la privacy e la sicurezza: ‘’Al pari della videocamera personale utilizzata nei viaggi turistici per fissare i ricordi, si possono effettuare video amatoriali.” In aggiunta i video o foto realizzate con tale mezzo possono essere divulgate e postate sui canali social al pari e con gli stessi criteri di un video amatoriale effettuato con un telefono cellulare, videocamera o dispositivo similare.

Limitazioni al dimensionamento di un aeromodello drone ad uso ricreativo: “Il Regolamento ENAC non fissa una dimensione massima. Oltre i 25 kg oppure per potenza totale di motori superiore a 15 kW sono previsti requisiti molto stringenti contenuti nell’art. 35 del Regolamento stesso. Un aeromodello non superiore a 300 grammi con velocità che normalmente arriva a 60 km/h può essere considerato, per le energie in gioco, inoffensivo’’. ‘’Oltre i 2 kg un eventuale impatto può sicuramente provocare lesioni alle persone. Una condotta responsabile impone quindi di non pilotare aeromodelli sopra un certo peso senza un’adeguata capacità di pilotaggio, che può essere acquisita o tramite un allenamento con un aeromodello inoffensivo o, meglio, presso un Centro di Addestramento, dove un istruttore con doppio comando può insegnare all’allievo le norme per effettuare un volo in sicurezza.”

Organizzare eventi o raduni di aereomodellistica: ‘’Analogamente alle manifestazioni aeromodellistiche occorre mettersi in contatto con l’Aero Club d’Italia per ottemperare alle specifiche disposizioni. Il luogo dovrà essere in ogni caso in una area non popolata.”

Un drone può essere utilizzato senza alcun corso, senza attestato di pilota e per soli fini ricreativi:
“I mezzi utilizzati per fini ricreativi rientrano nella definizione di aeromodelli e come tali non necessitano di attestato.” Per maggiori informazioni o delucidazioni vi invitiamo a contattare e visitare il sito https://www.enac.gov.it/ . Le informazioni da noi fornite fanno riferimento allo stesso ENAC

Mavic II Pro

Hasselblad Camera

Realizzate in Svezia, le fotocamere Hasselblad sono rinomate per il loro iconico design ergonomico, la qualità delle immagini senza compromessi e l’artigianato svedese. Dal 1941, le fotocamere Hasselblad hanno catturato alcune delle immagini più iconiche del mondo – incluso il primo sbarco sulla luna.

Hyperlapse

Dì addio alla post-elaborazione complicata. Con Hyperlapse, il drone riprende inquadrature aeree stabili e le elabora automaticamente, permettendoti di creare timelaps dall’aspetto professionale con un semplice tocco di un pulsante, che puoi condividere immediatamente con i social media. Salva una traiettoria di volo nella Task Library per far volare il Mavic 2 attraverso lo stesso percorso ogni volta che ne hai voglia. Le foto JPEG e RAW possono essere salvate contemporaneamente su una scheda microSD, lasciando più spazio per il post-editing.

Sente ed evita con facilità

Il sistema di assistenza al pilota avanzato consente al drone di rilevare in modo intuitivo gli oggetti in ogni mossa, permettendoti di sorvolare facilmente o superare ostacoli, in particolare in spazi ristretti